Dark Heresy: regolamento di conti

 

Due soldati fronteggiavano altri due uomini, tra i boati e i ruggiti dei rispettivi compagni.

La folla che vi era riunita intorno era esultate, e incitava con forza sempre maggiore i propri campioni.

 

[…]

 

Il ponte della nave da battaglia è vecchio e usurato, ma molto massiccio. I danni della recente battaglia erano stati riparati superficialmente, ma non in profondità: il tempo era stato troppo poco. I ponti più interni avevano subito danni di varia intensità, alcuni erano stati completamente chiusi, altri solo isolati. Era inevitabile che quel piccolo spazio isolato venisse sfruttato dai soldati, in una certa maniera eventi del genere sono persino tollerati in alcune occasioni. Mai però quando le guarnigioni si trovano a gestire combattimenti tra soldati e campioni di diversi reggimenti.

battlefleet gothic nave

Il problema va oltre l’illegalità dell’avvenimento, e si annida tra le pieghe di marciume che si annidano tra gli alti baveri inamidati degli Generali Militanti.

Colletti talmente bianchi e sgargianti da non reputare le legioni penali nemmeno alla stregua dei coscritti regolari di altri reggimenti. Non solo non sono considerati nemmeno carne da macello, ma non sono considerati nemmeno esseri umani.

 

[…]

 

Le alte sfere non approvano i regolamenti di conti interni ai reggimenti, e meno che mai le “spedizioni punitive” verso altre compagnie, squadre o reggimenti che siano. Le punizioni per chi si macchia di questo crimine sono severe… Se viene scoperto.

 

legione penale - guardia imperialeNon che i due soldati nell’arena fossero interessati più di tanto alle alte sfere in quel momento, a loro interessava molto di più lo scontro a cui stavano partecipando e la feccia contro cui si stavano battendo. La “feccia” in questione erano due soldati della legione penale dei Cani Urlanti, e lo scontro no era realmente uno scontro: era un massacro.

I due soldati brandivano un maglio-shock con l’effige della marina imperiale e una spada potenziata, mentre i due legionari avevano solamente i loro pugni e alcuni pezzi di divisa avvolti intorno ad un braccio a mo’ di protezione.

Non esattamente uno scontro equo.

Ma non lo era mai sembrato, dal principio. Cioè da quando i due soldati della legione penale erano stati aggrediti in un corridoio, pestati e trascinati in questo ponte. Non avevano mai perso realmente conoscenza, ma l’interno di queste navi così grandi e così antiche può essere un labirinto per chi non sia abituato a spostarvisi, esattamente come i due legionari. I soldati erano sicuramente tali, ma la divisa non era nota ai due legionari.

Non che questo cambiasse molto della situazione, ma essere pestato a morte senza nemmeno riconoscere chi sta eseguendo la condanna sommaria rende ancora più assurda la situazione.

 

Shock_Maul_variantsPer un po’ i due soldati si divertirono con le armi spente. La loro superiorità era indiscussa, erano tutti e quattro uomini addestrati ma le situazioni reciproche erano troppo diverse perché vi fosse un reale scontro.

I soldati mangiano regolarmente, lavorano e si addestrano con regolari turni di riposo fuori dalla battaglia (come in questo momento), e soprattutto erano armati.

I legionari mangiano quando capita, se non combattono sono ai lavori forzati potendo dormire il minimo indispensabile, ed erano disarmati.

 

Dopo alcuni minuti di pestaggio, le armi potenziate si accesero.

Persino il maglio-shock iniziò a vibrare, indice di un campo di energia portato ben oltre l’usuale limite di quelle armi antisommossa, trasformando l’arma a tutti gli effetti in una mazza potenziata.

A quel punto bastarono due colpi.

 

[…]

 

Le armi potenziate sfruttano un campo di energia che ricopre la lunghezza di una lama o la testa di un’arma contundente, consentendole di penetrare agevolmente attraverso armature, carne e ossa.
power sword imperial guard
Dove una spada potenziata può essere precisa e letale, fendendo ossa e carne come un coltello arroventato entra nel burro, una mazza potenziata schianta e frantuma sotto di se ossa, muscoli e cartilagini, lasciando una poltiglia sanguinolenta e un gran numero di schegge ossee di varie dimensione, in base alla locazione colpita.

 

[…]

 

La folla esultò.

Giustizia era stata fatta.

 

[…]

 

Nelle celle in cui i legionari erano rinchiusi durante le poche ore di sonno loro concesse, i tre nuovi cani sentirono, a pelle, di essere stati molto fortunati.

Non fu una sensazione gradevole.

Era da quando il loro compagno Joktar (uno psionico sanzionato) si era mostrato un traditore e aveva scelto di votarsi al Caos che provavano sgradevoli sensazioni.

Il traditore era stato distrutto, e la loro situazione era chiara: avevano avuto un’occasione di riscattarsi e di ottenere il perdono del Dio Imperatore dell’Umanità sul campo di battaglia, combattendo nella legione.

Ma ogni tanto, durante il loro sonno agitato, ancora tornava quella sensazione…

Quella sensazione di essere stati fortunati.

 

Non era una bella sensazione. Non lo era affatto.

 

Potrebbero interessarti anche...

2 Risposte

  1. dikoleo ha detto:

    La fortuna non esiste!
    Esiste solo la grazia del Dio Imperatore!
    Egli viene sempre in soccorso dei suoi fedeli!

  2. Orthega ha detto:

    “Lo stupido si affida alla fortuna, il saggio all’Imperatore.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *