Post – Play Modena 2016: Sessioni di Gioco (2/3) – D&D Adventurers League

 

Il party di GdrTales ha avuto diverse occasioni di gioco nelle due giornate di Play! Modena (e ci sarà un motivo se lo chiamano il Festival del Gioco, no?), quindi proseguiamo a parlare dei giochi che abbiamo provato.

In ordine cronologico, oggi continuiamo con

DDAL4-01 Suits of the Mists (5e)

Dungeons & Dragons Adventurers League, Season 4 (“Curse of Strahd), first adventure (“Suits of the Mists”)

 

Introduzione

La D&D Adventurers League non è esattamente una cosa nuova, essendo ormai dal mese di marzo alla quarta stagione. Ma “meglio tardi che mai”, e così nella seconda giornata del Play! io e Dikoleo ci siamo inseriti nell’ultima stagione giocando la prima avventura di Curse of Strahd.

In sintesi, la D&D Adventurers League è la lega di gioco organizzato di Dungeons & Dragons basata sul regolamento della quinta edizione, dove ogni partecipante può giocare ad una lunga campagna la cui storia toccherà parti più che rilevanti dell’ambientazione.

Le prime tre stagioni erano ambientate nei Forgotten Realms, quella attuale (la quarta) a Ravenloft.

Si, QUEL Ravenloft.

Saremo stati in ritardo di un mese, ma cavolo, era decisamente un’occasione da non perdere.

Se non altro per capire se i demoni interiori che ci urlavano contro accusandoci di eresia e tradimento (con frasi del tipo “SIETE DEI MOSTRI, l’unico vero Raveloft è quello di AD&D!! Abbasso la modernità!!”) avessero ragione o meno.

 

Il gioco

Suits of the Mists è un’avventura introduttiva alla stagione, la prima avventura della storia che si svolgerà durante “Curse of Strahd” e che dovrebbe terminare durante Luglio di quest’anno.

Il modulo è diviso in cinque parti più una breve introduzione. L’introduzione vede il gruppo viaggiare fino a Crossing Inn, una grossa locanda situata su un incrocio tra diverse strade e non molto lontana dal villaggio di Phlan (punto di partenza della nostra sessione). Da quella locanda non arrivavano più notizie, per ciò ci dirigemmo a verificare cosa fosse successo. Dopo la breve introduzione vi sono quattro parti dell’avventura che il gruppo può gestire liberamente, mentre l’ultima viene giocata alla fine (cioè quando l’indagine è terminata o quando il party decide di smettere di indagare).

Sono necessarie da una a due ore per portare a termina ognuna delle sotto-avventure di cui è composto questo primo modulo, per un tempo di gioco stimato dalle cinque alle dieci o più ore. Noi abbiamo giocate tre parti in quattro ore, ma un po’ di tempo è stato levato dalla burocrazia della Adventurers League, quindi comunque siamo stati ampiamente nei tempi previsti.

 

La sessione

Io e Dikoleo siamo persone estremamente fantasiose e articolate. Infatti i nostri personaggi sono stati un Nano Chierico e un Elfo Mago. E sulla linea del “ci puzza vivere troppo facilmente”, il terzo giocatore ha espresso il desiderio di giocare un Halfling Ladro.

Dato che eravamo solamente in tre (il numero minimo per poter giocare ufficialmente una sessione della AL) e che NESSUNO di noi aveva optato per un personaggio brutalmente combattivo (si parla di D&D, non di Prati & Primule), abbiamo parlato un attimo tra noi e con il DM per valutare se fosse una scelta opportuna. Il DM ci ha consigliato diplomaticamente di valutare la situazione. Noi abbiamo ovviamente optato per “CHISSENEFREGA andiamo così che siamo bellissimi e perfetti”, soprattutto quando abbiamo appurato che i nostri personaggi avevano un’altezza in scala (Halfling, Nano, Elfo).

Il DM trattenne stoicamente le lacrime e iniziò a narrare.

Discussioni con strane e misteriose elfe, nebbia fittissima, PUMA DELLE NEVI MOSTRUOSI (non nel termine tecnico, ma solo nella violenza con cui mi hanno quasi ucciso), furti di oggetti magici, indagini, botte, botte e botte. Una sessione decisamente intensa, divertente e ricca sia di classici punti di riferimento per D&D (orchi e uccelli stigei, per esempio) come che innovazioni o scoperte (molotov alimentata a fiori fiammeggianti) (non scherzo, lo abbiamo fatto davvero).

E alla fine, un cartello. Barovia.

 

Commenti personali

Beh… Sia il nano chierico che l’elfo mago sono quasi morti. E anche il nostro amico ladro è quasi morto. Tecnicamente uno di noi è morto davvero, ma contraendo un piccolo debito lo risaneremo e lo faremo combattere ancora con noi… A Barovia.

Battute sull’avventura a parte, D&D 5th si conferma una valida edizione che ha saputo cancellare dalla memoria i ricordi della quarta edizione l’edizione che non è mai stata pubblicata, e l’approccio della Adventurers League è molto interessante.

Per chi ne ha la possibilità merita assolutamente di essere provato, anche da casa se nella vostra città non organizzano eventi ufficiali. 😉

L’unica nota da considerare per quanto riguarda le fiere sono le tempistiche di gioco in fiera: quattro ore sono grossomodo una sessione standard, a cui si toglie un po’ di tempo per la burocrazia ma niente di eccezionale se non si è tutti novizi. La sessione è decisamente corposa (ed è un bene), ma il tempo alle fiere è limitato.

Solitamente una demo in fiera dura tra una e due ore, mentre una sessione come questa da concludere in maniera sensata (noi abbiamo giocato 3 parti su 5) richiede ben più tempo, ragionevolmente da tre a cinque ore.

Se volete fare una sessione di gioco corposa e decisamente sostanziosa, allora questi eventi fanno assolutamente al caso vostro. Considerato che potete portare i vostri personaggi e partecipare alle sessioni in uno qualsiasi di questi eventi, riuscire ad unire una campagna di gioco e una fiera non è affatto cosa da poco!

Se invece volete provare il maggior numero di giochi possibili e conoscete già D&D 5th, allora probabilmente questo evento non fa per voi. Non perché non sia interessante, ma perché in proporzione alle demo di dimostrazione dura troppo. E se volete solo provare giochi nuovi, nel tempo di una partita di lega potreste provarne tranquillamente altri due.

 

D&D Adventurers League: link al sito ufficiale

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. 18 maggio 2016

    […] avevamo giocato a Modena. Abbiamo già parlato dell’avventura e della Lega di gioco organizzato in questo articolo, dove potete trovare tutti i link, riferimenti e commenti […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *