Qualcuno ha detto "Mondo di Tellus"?

Alla domanda “Ma che è ‘sto  Mondo di Tellus? possiamo dare una risposta breve e una risposta più articolata.

 

La risposta breve è che il Mondo di Tellus è un’ambientazione “universale” per giochi di ruolo disponibile gratuitamente. Non è legata ad alcun regolamento, e non è uno stereotipato mondo fantasy/medioevale, ma si basa e ispira dal nostro mondo antico/classico… Con i “mostri” al governo. Le razze dominanti sono infatti costituite da animali antropomorfi, i Figli di Epimeteo o Thereomorfi. Le creature che solitamente sono i mostri degli usuali fantasy, in questo mondo sono le razze dominanti del pianeta.

 

La risposta articolata è necessariamente un po’ più lunga.

Il Mondo di Tellus è un’ambientazione collocata in un mondo che ricalca, si basa e cita il mondo antico e classico (soprattutto europeo), dove le razze dominanti sono costituite da animali antropomorfi. La società segue modelli, schemi e ispirazioni del mondo romano classico, con un dettaglio storico davvero impressionante (chiaramente rivisitato dove necessario).

Il Mondo di Tellus non è stato scritto per essere usato con un gioco specifico, ma anzi viene presentato in maniera avulsa da ogni regolamento. Questo in linea teorica lo rende utilizzabile da tutti i giochi, in linea pratica chiaramente servirà sempre un lavoro di adattamento, che potrà essere molto veloce utilizzando sistemi universali (GURPS o Savage Worlds), meno veloce ma non impossibile utilizzando sistemi non generici.

Il testo (poco meno di ottanta pagine) si articola in diversi capitoli, di cui

  • Il De Universo, in cui viene spiegata la fisica nella quale credono i sapienti e gli eruditi del pianeta.
  • Il De Societate, che tratteggia i più diversi aspetti della società e della vita quotidiana nell’impero romano di Tellus.
  • Il De Architettura, che spiega l’urbanistica, l’architettura e varie curiosità sull’arredamento in voga nell’impero (interni, esterni, chi più ne ha più ne metta).
  • Il De Ludis, un capitolo brevissimo di appena una pagina che parla dei giochi in senso lato e un po’ più approfonditamente dei banchetti.
  • Il De Eruditione, che spiega i valori e la morale di Roma.
  • Il De Machina, che c’illumina su scienze applicate e tecnologie in uso nelle varie regioni del pianeta. D’altronde c’è chi dice che l’ingegno sia la capacità di usare gli strumenti e di crearne nuovi (cit. Tellus), quindi chiaramente ogni regione e specie avrà i suoi specifici sviluppi.
  • Il De Magia e il De Superstizione sono due capitoli che parlano del soprannaturale, ma per parola stessa degli autori sono “ancora un po’ abbozzati” (leggasi incompleti), ma con un’ottima scusante: pare che essi stiamo preparando un libro dedicato che approfondirà parecchio l’argomento.
  • Il De Religionibus è la parte che ha maggior estensione di tutta l’opera, parla delle religioni e dei culti presenti sul pianeta con ovvia e particolare attenzione a quella dell’impero romano.
  • Il De Historia è un succosissimo capitolo finale, ancora in fase di bozza come alcuni dei precedenti, ma già decisamente più completo. Esso prevede una descrizione storica (sul modello degli Annali, con gli eventi anno per anno) decisamente dettagliata.

 

L’opera si presenta decisamente bene, la lettura è scorrevole e interessante, ma se non vi interessano gli antichi romani e gli animali antropomorfi allora avete sbagliato manuale. 😆

Decisamente di ottimo livello anche la parte grafica, così come l’impaginazione e la cura.

Quello che va comunque considerato è che l’opera non sia ancora compiuta, e questo in alcuni capitoli si vede (quattro capitoli possono stare in tre pagine con un po’ di compressione), ma diamo tempo al tempo. 😉

Sicuramente il più grande punto di forza è la qualità della trattazione storica che viene dilazionata in tutto il manuale. In alcuni punti può essere eccessivo, ma globalmente i contesti e gli ambienti vengono presentati con un dettaglio e una cura davvero molto elevata.

Insomma, le premesse sono interessanti, adesso vediamo come l’opera verrà completata! 😛

 

Il Mondo di Tellus,

Davide Alberici e Andrea Micaloni,

link al sito ufficiale

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *