Consiglio dei primogeniti

Ho paura.

In questi mesi con la mia signora ho visto l’orrore e ho compiuto atti indicibili. Sono sceso a patti con me stesso, con la mia natura. A volte mi chiedo se vivendo sarei diventato ugualmente così indifferente ai sentimenti altrui. La mia signora sostiene che se non avessi incrociato il mio cammino col suo a quest’ora starei pensando di iscrivermi a qualche associazione umanitaria e scrivendo articoli sull’educazione alla legalità. L’abbraccio ci cambia, sostiene, ma spesso la mia signora  mente.

Questa sera é stata convocata.
Consiglio dei primogeniti.
Mi ha spiegato bene le complesse leggi che regolano la società vampirica, anche parte di quelle sottintese, ma non so se sono pronto per questo debutto in società. La mia signora ha detto che questa sará l’ultima notte in cui sarò un suo problema: o mi distrugge o mi rilascia.
Non so quale delle due opzioni mi spaventi maggiormente. Quasi rimpiango il rave, che pure non era un occasione tranquilla. Non c’era quell’elettricità nell’aria, qui la potenza dei presenti é quasi palpabile. O forse sono solo molto in soggezione: probabilmente non rivedrò mai tutti insieme esseri così. La mia signora ha anche avuto premura di informarmi come sia un periodo turbolento per il principato. Non ha voluto scendere nei particolari e questo temo mi creerà problemi a partire da domani sera.

Il primo che viene a salutare la mia signora è l’ uomo che incontrammo la sera della mia prima caccia e giuro che un momento fa non c’era! E giuro che preferirei continuare a non vederlo. Due occhi piccoli e troppo ravvicinati mi scrutano come se mi stesse valutando. Continua a parlare con la mia signora mentre percorrono il corridoio più decorato che abbia mai visto. Gerardo Brandini, primogenito del clan nosferatu. Mi impongo di pensare solo alle informazioni che mi ha dato la mia signora: Cecilia Colonna, ancilla, primogenito del clan brujah. Due persone sono già presenti, la bellezza e l’eleganza del primo mi lasciano qualche interminabile istante a fissarlo. Prego di non aver fissato troppo a lungo Filippo de Neri, anziano, Siniscalco, primogenito del clan toreador. L’altro, pallido persino per la sua condizione vampirica e cpn strani tatuaggi sulle mani deve essere Laerte Odescalchi, ancilla e primogenito del clan tremere. Attendo il momento im cui avrò il permesso di parlare, non reggo più l’ansia di dire qualcosa di sbagliato.
La mia signora si avvicina al Siniscalco porgendo la mano. Finora avevo visto un baciamano solo nei film.
“Le mie condoglianze per la vostra perdita, vostra Grazia ”
Una risata sguaiata fa voltare tutti verso Corrado Licei, primogenito del clan malkavian.

Tutti i presenti non sembrano dare ulteriormente peso all’accaduto.
Tutta l’attenzione é ora rivolta all’ uomo che é appena entrato. Ben vestito ma informale, occhiali da sole e ghigno.
Non ho idea di chi sia.
La mia signora mi ordina di andarmene.
Obbedisco.
Sento una voce cavernosa provare ad urlare “dov’é sua maestà? !”

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *