Dark Heresy: “Il Sangue dell’Imperium”… ma quando ci vuole ci vuole

Quando passi un mese d’inferno su Titano, scoprendo sulla tua stessa pelle quanto i Marine siano superiori ad un uomo e quanto il loro addestramento traumatico per un semplice soldato…

Quando ti prepari comunque ad un viaggio pericolosissimo e il tuo istruttore ti raccomanda di riferire che “il Signor Inquisitore avrebbe dovuto scegliere qualcuno capace di non morire subito dall’altra parte”…

Quando il preparativo per il viaggio comprende l’evacuare un Incrociatore da Battaglia e prepararlo ad un viaggio di sola andata per il Warp…

Quando arrivi nel Warp e il tuo Signor Inquisitore ti ordina di spegnere i Campi Geller, e non puoi fare altro che obbidire con le lacrime agli occhi mentre l’Immaterium pervade tutta la nave…

Quando capisci veramente cosa significhi “lotta contro il tempo” mentre un imprevisto ti costringe a sfruttare i singoli minuti nella tua disperata corsa verso la “salvezza” dei ponti di lancio…

Quando la “salvezza” corrisponde a lanciarsi nel Warp senza alcuna protezione se non quella di qualche veicolo corazzato e un singolo bombardiere, in sole otto persone (nove, se come fa il Signor Inquisitore contiamo anche l’Imperatore)

Quando tra la tua “salvezza” e te si trova un Principe demone di Slaanesh insieme a servi vivi e demoniaci, impossibilitati a entrare nei ponti di lancio da un immenso portone blindato mechanicus e dall’aura che supponi essere del Signor Inquisitore…

Quando, non potendolo per palesi motivi affrontare direttamente quel potentissimo nemico ultraterreno, la tua salvezza è legata a pochi minuti e ad un improbabile tranello…

 

 

Ma nonostante tutto questo, all’ultimo minuto, ce la hai fatta.

 

E, dall’interno della benevola aura che l’Imperatore ha concesso al tuo Signor Inquisitore, mentre osservi il Principe Demone di Slaanesh correre inutilmente verso di te, sapendo benissimo che la porta della nave sarà chiusa e sigillata ben prima che il nemico ultraterreno la raggiunga, e che ancora prima sarà bloccato dall’aura di potere…

C’è un solo modo in cui puoi congedare l’immondo essere lasciandolo al suo destino.

 

 

 

Esperienza addizionale per tutti ragazzi.

E usiamola bene, perché adesso si balla di brutto.

 

 

(Grazie a Vidia, alias Dikoleo, per il lavoro sulla .gif!)

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *