Pensieri…

 

Mmm… Questo è importante.

Immaginate l’universo, prendiamo una delle infinite galassie, viaggiamo velocemente in uno dei molti sistemi solari che la compongono e atterriamo su uno dei pianeti. Dirigiamoci in una delle regioni in cui sembra diviso il pianeta, quella con gli edifici più alti e vecchi. Entriamo in quello che sembra il più piccolo e dai moltissimi corridoi e sistemi di scale scendiamo fino a raggiungere quello che sembra il nucleo del pianeta. Varchiamo la soglia dell’ultima stanza, quella con il numero 1 inciso sopra, piena zeppa di schedari.

 

Eccolo!

È quello un pò più nascosto in fondo alla stanza. Apriamo lo schedario e guardiamo sotto la sezione “sper”, raggiungendo la scheda sperimentazioni. Prendiamo un foglio bianco e iniziamo a scrivere…

Sarà forse la mia inclinazione da elfo che tende a vedere tutto ciò che mi circonda come facente parte dello stesso piano naturale, sarà la mia predisposizione a ricordare tutto o sarà la serie di strani eventi al confine tra il religioso e il magico avvenuti nella nostra locanda, ma sempre più mi balena in testa un’idea.

 

E se fossimo noi a creare i nostri limiti?

 

Prima del come, uno si chiederebbe il perché?

 

Ma perché è tutto più semplice!

 

Quando uno si deve destreggia tra infinite possibilità non può e non riesce a orientarsi, la sua mente limitata non può affrontare qualcosa come l’infinito, non vi si riesce a muovere. Ed è per questo che i maghi con le loro parole e gesti e i chierici con le loro preghiere muovono i primi passi, ed è per questo che successivamente entrambi più avanti nei loro studi hanno bisogno di creare altre strutture sui cui appoggiarsi per eliminare questi gesti simbolici. Perché per muoversi hanno bisogno di riferimenti, di portare un sistema infinito ad uno finito.

Entrambi per modellare più o meno direttamente quello che per ora per comodità e formazione chiamerò mana, ma che alla fine potrebbe essere differente da come lo si immagina o addirittura non esistere.

 

Molti sono i segni che mi spingono a vedere tutto sotto questa luce. È noto a tutti che seppur i maghi posseggono maggior versatilità espressa nella molteplicità di incantesimi che esistono questi difficilmente raggiungono la stessa efficacia a parità di esperienza delle intercessioni dei chierici, che però di fatto permettono di ottenere molte meno cose.

Questo perché essi sono specializzati rispettivamente nelle due cose che a mio parare sono le  uniche necessarie per plasmare la realtà. La capacità di schematizzazione o modellizzazione della realtà (il modo in cui crediamo funzioni) e la volontà o la fede nelle capacità di poterla modificare. Capacità che portate ai livelli più alti non si differenziano più.

 

È da ciò che voglio partire per ottenere quello che ogni mana dotato sogna.

 

Nessun limite!

 

La possibilità di ottenere qualunque incantesimo con sforzi pressoché nulli, anche se so già che sarà difficile trovare il tempo per le mie ricerche.

 

Da ciò, più che il potere oggettivo che comunque ne conseguirebbe, riuscirei a ottenere qualcosa di ancora forse più importante e fondamentale, una prospettiva totalmente diversa di tutto

 

Nelium Oleander

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. lherian ha detto:

    SA-PO-NO-SA-MEN-TE INTRIGANTE!
    Mi hai fatto drizzare il beccuccio con la portata di quello di cui ci stai insaponando in questo articolo. Ho nascosto tutte le saponette impressionabili (non vorrei mai che si spaventassero!), ma ne ho una che dopo questo articolo preme molto per conoscerti. Dovrò AS-SO-LU-TA-MEN-TE pregare il mio AMMMMMMMORE Kheratus di portarmi con lui a Cortona per conoscerti di persona… Adesso non verrei più solo per Laren, ma anche per te! *Groaaar…*
    E come dice sempre il bagnoschiuma al pino silvestre “due sono meglio di uno”. Devo convincere il mio unico bellissimo sexy arcimago a portarmi con lui da voi… Ma per tutto il sapone alla lavanda, gelsomino e carota, non potevate piazzare la vostra locanda in un CONTINUUM più facilmente raggiungibile???

    – Geppo “saponetta”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *