La Battaglia – Lezione di Magia applicata

Dopo tre dense lezioni teoriche di Magia, ritengo che sia opportuno esaminare un esempio pratico dei concetti visti, al fine di meglio comprenderli (è sempre il caso di scaricare la tensione menando le mani di tanto in tanto…).

Molto probabilmente se sentite il desiderio di diventare dei Maghi del Fuoco, non siete dei contadini che passano tutto il loro tempo a zappare la terra e che studiano nel tempo libero, c’è una buona probabilità che siate degli animi turbolenti con molta voglia di azzuffarvi con qualcuno e di scaricare l’energia che sentite dentro. Questo carattere, oserei dire TIPICO della famiglia Stark, deriva proprio dal Fuoco che brucia dentro di voi, ed è esso stesso a donarvi questa nota di impulsività.

Pertanto quale miglior esempio pratico di una bella BATTAGLIA? L’esempio che qui vi propongo è una battaglia che è stata combattuta da me, mio fratello, ed alcuni nostri cari compagni contro un Mago di Gilda e due soldati che stupidamente tentavano di sbarrarci il passaggio. La suddetta battaglia è stata descritta nel dettaglio qui.

In questo articolo analizzerò insieme a voi il duello che ho personalmente intrapreso contro il Mago di Gilda. In particolare la battaglia vuole essere un esempio pratico di come un Vero Mago del Fuoco, applicando i principi teorici visti nelle lezioni precedenti, non possa che avere ragione di un banale Mago di IV Livello, benché esso appartenga alla Gilda della Magia.

…che poi vorrei sapere cosa gli insegnano a questi maghi di Gilda visto quanto sono fragili…pensare che al nostro primo incontro ci aveva minacciati dicendo “andatevene, altrimenti la situazione diventerà incandescente”….si, lo diventerà per te, razza di mezza-sega-culo-mollo di Gilda!

 

La battaglia

Cento metri di distanza. Sono troppo lontano. Soltanto con un potente rituale potrei riuscire a lanciare una palla di fuoco verso di loro ed in ogni caso dovrei perdere del tempo a disegnare il simbolo e raccogliere l’energia, senza contare che offrono un bersaglio abbastanza piccolo. Inoltre, tra i miei compagni, sono l’unico in grado di colpire da lontano. Dettaglio aggiuntivo, il mago sembra in grado di poter lanciare sfere di fuoco anche a questa distanza: Ridurre la distanza.

Il “mago” sta per lanciare una palla di fuoco e mio fratello corre verso di essa per intercettarla. E’ necessario che io evochi uno “scudo ardente” per proteggerlo dalla potenza distruttiva della sfera: Proteggere le persone care.

Lo scudo ha attutito la maggior parte dei colpi ma il “mago” sta per lanciare un’atra sfera. Si preannuncia uno scontro di Fuoco, poniamo in armonia la mia Fiamma Vitale con il Fuoco materiale, essi derivano dallo stesso Fuoco Primordiale e la Fiamma non mi farà del male; sfrutto l’energia che permea tutte le cose per armonizzare i due Fuochi: Evocare una Resistenza al Fuoco.

Lo stupido senso di protezione di mio fratello nei nostri confronti (marcata nota del lato Evergreen della famiglia…) lo farà ammazzare, lui non conosce il Fuoco come lo conosco io, devo provvedere alla sua sicurezza; sono io il Fratello Maggiore, sono io il Mago del Fuoco: Evocare una Resistenza al Fuoco su Grendell.

Adesso a noi due, “mago”! Tu, che ti professi un vero mago del fuoco, in realtà non sei più che un incantatore da quattro soldi con un bel bastone e delle vesti pulite. IO conosco la Verità, IO sono un Mago del Fuoco, le fiamme non mi faranno del male. Credi di poter fermare Asterion Stark con una palla di fuoco? IO sono FUOCO: Intercettare la palla di Fuoco che ha lanciato verso di me.

Lo vedi? ora hai capito con chi hai a che fare? In mezzo a questo cratere, in mezzo alle Fiamme, ci sono IO; il Fuoco non mi ha bruciato. Mai evocare del nuovo Fuoco quando lo si ha già a propria disposizione. Le Fiamme mi circondano, esse sono la mia risorsa. Proprio dalle Fiamme che tu stesso hai evocato, “mago”, bestemmiando in quanto non sei un Vero Mago del Fuoco, riceverai la tua fine: Prendere il controllo delle fiamme che già esistono e, modellandole, avvolgerle attorno all’avversario.

La mia conoscenza è superiore alla tua, io parlo al Fuoco attraverso la Fiamma Vitale, esso mi obbedisce perché io conosco la Verità. Il tuo anello ed il tuo bastone e tutte le conoscenze che hai appreso in Gilda non ti serviranno. Tu non puoi vincere: Tenere l’avversario intrappolato nelle sue stesse fiamme.

Mai perdere la concentrazione, mai credere di avere già vinto. Conosci la Verità, persegui il tuo obbiettivo sino alla fine, non cedere alla distrazione. Il “mago” è riuscito a liberarsi. Anche lui è illeso, il Fuoco non lo ha bruciato; ma a differenza di un Mago del Fuoco, il quale usa la “Resistenza alle fiamme” per armonizzarsi con il Fuoco materiale, lui utilizza questo incantesimo per Paura. Lui ha Paura del Fuoco, ha Paura di bruciarsi. Un Vero Mago del Fuoco non ha paura di esso, perché Tutto viene dal Fuoco ed il Fuoco è anche dentro di me. Il Fuoco non ti farà del male se crederai in esso: L’avversario è riuscito a liberarsi, disperdendo le fiamme.

Ha Paura del Fuoco e le sue conoscenze lo proteggono da esso nella sua forma più materiale. Ma anche IO sono Fuoco, esso scorre nelle mie vene e tiene in vita il mio corpo, esso fluisce nei miei muscoli e mi dà la forza di vincere il mio avversario. Ma devo ridurre la distanza. Sfruttando l’energia che permea l’ambiente posso costringerlo ad avvicinarsi; tutte le cose vengono dal Fuoco, come  il suo corpo. Se sfrutto la mia Fiamma Vitale posso ordinare al suo corpo di muoversi, avvicinandolo a me; alcuni la chiamano “telecinesi”: Ridurre la distanza.

Ora, che siamo vicini, sentirai tutta la Forza delle mie Fiamme Vitali. Sfruttando l’energia che permea l’ambiente, posso far fluire il Fuoco che è in me verso i miei muscoli, dandomi la Forza di dieci uomini; alcuni la chiamano “Possanza”. Ora assaggerai un po’ di disciplina Stark: Utilizzare il Fuoco in combattimento ravvicinato.

Sono sufficienti solo due colpi, uno allo stomaco e uno allo sterno per atterrarlo. Il sangue imbratta già le sue vesti di Gilda. Tu non eri un Vero Mago del Fuoco, Chi conosce la Verità trionferà sempre su tutti gli altri. Ma, i miei compagni, loro cosa stanno…Jin è a terra, e mio fratello sta per soccombere, devo aiutarli! Il “mago” ha un anello ed un bastone, essi mi daranno più forza…l’anello! Esso mi avvicina al Fuoco, mi permette di comunicare meglio con esso, accresce la mia sintonia! e allora nasci, Sacro Fuoco, divampa! circonda i due soldati e non lasciarli sino a quando non avrai liberato le loro Fiamme Vitali dalla prigione del loro corpo: Generare il Fuoco e bruciare vive le due guardie.

Abbiamo vinto, ma non sarebbe potuta andare diversamente. Ora bisogna occuparsi dei feriti, Jafar, utilizza le tue Fiamme Vitali per ordinare al mana di ravvivare le Fiamme Vitali dei nostri compagni: curali. Mio fratello non morirà, Jin non morirà. Abbiamo Vinto, e nessuno di noi è caduto.

 

E tu, stolto “mago”, ora conosci la Potenza di un Vero Mago del Fuoco.

Aprite il vostro cuore e la vostra mente alla Verità, solo allora sarete dei Veri Maghi del Fuoco.

Chi conosce la Verità trionferà sempre.

Asterion Stark, Mago del Fuoco di III Livello

 

 

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *