Trame nell’Ombra: presentazioni ufficiali

 

Jin

Jin è quel genere di persona che molto difficilmente si riesce a far rientrare in qualche schema ben definito. La sua fisicità, il suo allenamento, le sue capacità e la sua naturale tendenza alle perverse uccisioni del prossimo lo farebbero considerare alla stregua di un serial killer, o molto più facilmente un sicario o un ladro. In diverse occasioni, però, a differenza di uno spietato killer, si è dimostrato una persona molto più “casalinga” di quanto altri avrebbero sospettato. Infatti non solo (e in diverse occasioni!) ha fatto il bucato per se e per il party, ma ha anche passato diverse giornate a lavare panni sporchi nella locanda dove il gruppo ha alloggiato, guadagnandosi il nomignolo di “Lavandaia”. Nonostante tutto ciò lo faccia apparentemente infuriare, Jin ha continuato a lavare panni di buona lena, superando persino la rendita (in panni lavati al termine di una giornata) delle lavandaie di professione del quartiere. Alcuni sostengono che questa sia una “finezza” tipica dei serial killer, grazie alla quale diventano meno rintracciabili. Altri reputano che sia semplicemente pazzo, o quanto meno una persona estremamente scostante.

 

Asterion Stark

Primogenito della felice unione tra Avalon Stark e Nimue Evergreen, Asterion è un uomo che ha la parola “fuoco” stampata in ogni singola cellula del suo corpo. Capelli e barba rossi sono molto più che una coincidenza del fato, e la fenice tatuata sulla scapola completa il quadro. Mago combattente con una discreta esperienza alle spalle, predilige ovviamente incantesimi del Fuoco e da combattimento. Nonostante abbia delle capacità più che discrete per la media degli incantatori, ovviamente le sue doti più marcate appartengono alla sfera intellettiva. A sentire le sue parole, grazie al supporto dei suoi incantesimi le sue capacità diventano eccellenti anche nel corpo a corpo (specialmente nelle risse). Stiamo ancora aspettando una rissa in cui il nostro mago del fuoco non le buschi di santa ragione, ma indubbiamente la sua perseveranza e la sua cocciutaggine, tipici tratti della famiglia Stark, gli forniranno molte altre occasioni per dimostrarcelo.

 

Grendell Stark

Secondogenito della felice unione tra Avalon Stark e Nimue Evergreen, Grendell è un uomo che ha le seguenti parole stampate su diverse parti della sua persona: “Fede”, Predicozzo”, “Rissa” , “Paranoia”, “Mamma”. A differenza del fratello maggiore, il suo animo ha preso molto di più dalla madre che dal padre, ereditando un’indole leggermente (molto leggermente) meno rissaiola e manesca del fratello, e più votata alla comprensione di ciò che accade nel mondo. E’ un chierico ordinato della Chiesa della Fede, combattente ma non appartenente all’Ordine Militante della stessa Chiesa. Essendo comunque uno Stark, il suo comportamento comprende spesso eccessi di zelo, di pressione, di cazzotti e persino di pistolotti, ma a differenza del fratello mostra anche un’indole molto marcata per il senso del dovere verso gli altri. Probabilmente è la persona che più presta attenzione ai membri del gruppo nella sua totalità. Potremmo dire che è la mamma del gruppo.

 

Yume

Mezzelfa dal grandissimo fascino (ormai perduto) e dalla storia personale molto triste: a causa della sua enorme bellezza è stata tenuta praticamente rinchiusa dalla sua famiglia fino a pochi mesi precedenti l’incontro con il gruppo. La sua ingenuità nei confronti del mondo è stata solo parzialmente rimossa, ma si sta adoperando per cercare di conoscere meglio tutte le cose che le risultano ancora ignote. E’ naturalmente portata a dire sempre la verità, e difficilmente non racconta quello che le è successo o quello che la ha colpita praticamente a chiunque. Ha ormai superato il trauma di aver perso la sua bellezza, pagamento permanente per entrare a far parte della Gilda dei Maghi. Ella è infatti una persona estremamente dotata dal punto di vista magico, anche se ancora mancante della pratica e dell’esperienza tipiche di incantatori più maturi od esperti.
Venera una non ben precisata divinità della Luna, delle Stelle e del Canto, che sembra essere nota solo a lei.

 

Jakar

Mezz’elfo dalla memoria perfetta (taluni direbbero eidetica) e da una peculiare particolarità: l’interesse per il metallo. Jakar, oltre ad una memoria perfetta, una discreta conoscenza letteraria e magica, un’ottima attitudine all’Arte Arcana e quel pizzico di sensi acuti conferita dalla parte del suo progenitore elfico, viene da tutti ricordato come “il mezzelfo magrolino che oltre ad interessarsi di metallo lo sa anche lavorare”. L’interesse per il metallo e l’arte della sua lavorazione si è sviluppato nel giovane Jakar vedendo la scarsa importanza che gli elfi dei boschi conferivano al metallo, reputandola una mancanza da colmare. Nonostante l’aspetto esile e la non eccelsa forza fisica, egli è molto determinato nel suo lavoro. E, occasionalmente, non disdegna di aiutarsi con un po’ di magia. I muscoli vanno bene, ma se puoi aiutarti con il cervello, perché non farlo?

 

Il Mondo

Nessuno spoiler pre-partita verrà dispensato in questo articolo (e dite la verità, che in fondo ci speravate!). E ovviamente tutti ricordate l’introduzione, vero? Si, si, il discorso non è riferito a te, Jakar. Lo sappiamo che hai memoria eidetica. Comunque il mondo esiste. E’ già qualcosa, no?
(chi vuole intendere, intenda)

 

 

 

 

A presto per altri aggiornamenti!

GM

Potrebbero interessarti anche...

2 Risposte

  1. Orthega ha detto:

    Non approvo questi abusi di potere, Master! Solo perchè sono di nuovo un chierico non significa che questo mondo è condannato fin dall’inizio!
    …. forse. XD

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *