Il Mio Segno

“Wood, distruggi la corona. Solo così sarà tutto finito.”

“Mi dispiace, ma… Non posso farlo.”

“Wood…”

“Io… Io… al contrario di Parn, non sono figlio di un cavaliere. E non ero nemmeno abbastanza intelligente per imparare la magia… Ho iniziato a rubare quando ero un ragazzino… e in Dio… non credevo di certo.”

“Che stai dicendo, Wood!?”

 

 

[…]

 

 

Non ho la forza di fede dei Chierici, e nemmeno la loro grande Saggezza.

Non ho la tecnica o il coraggio dei Cavalieri, e nemmeno le loro capacità.

Non ho la costanza e l’addestramento dei Monaci, e nemmeno la loro disciplina.

Non ho la potenza e l’innato controllo della magia degli Stregoni, e nemmeno il loro intuito.

 

 

Non ho nemmeno la forza per impugnare un martello.

 

Ma ho la forza per reggere una lama.

Ma ho la memoria ricordare per tutte le cose che ho studiato.

Ma ho degli amici.

E io non dimenticherò mai nessuno di loro.

 

Nemmeno se adesso impugno questa stessa lama, nemmeno se la dovessi incrociare con coloro che hanno causato tutto questo. Non li dimenticherò. Io sono io, anche con una spada in mano.

 

Amico mio, è questo il mio segno per te.

 

Nel mio segno,

possa tu essere sempre te stesso.

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. 17 marzo 2016

    […] quattro anni fa pubblicai un articolo a proposito di una campagna di D&D allora in corso, dove il mio personaggio teneva un diario e […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *