Perché ruolare in taverna porta sempre qualcosa (a te o agli altri avventori)

Quanti di voi si ricorderanno il tipico ingresso in una taverna, riscaldato dal cibo per il corpo, e dal gioco d’azzardo per il portafoglio?

Il gruppo, entrato nella taverna, venne osservato da un paio di occhi con più attenzione del solito. L’uomo, basso e vestito di scuro, osservò attentamente i nuovi avventori sedersi ad un tavolo libero, e ordinare da mangiare. “Pane, vino e carne!” pensò il baro, quando arrivarono le pietanze “devono essere ben messi… che sia la mia serata fortunata?”. quindi, dopo aver controllato le carte e i dadi, si avvicinò al loro tavolo con un sorriso, e salutò “Buonasera…”

Quando si tratta di gioco d’azzardo all’interno di un gioco di ruolo, vi sono infinite possibilità di scelta.

La prima cosa a cui bisogna pensare e’ se questo incontro debba essere una saltuaria distrazione e divertimento, o se debba essere una cosa più “profonda” (partendo da un semplice gruppo di PNG che si ritrovano saltuariamente per giocare, ad un grosso sistema di gioco d’azzardo truccato infiltratosi nella città, ad arrivare a fino a vere e proprie missioni per il party relative ai giochi d’azzardo!)

Nel caso si opti per il primo punto, lo scopo sarà quello di far divertire i giocatori e se stessi, e potrebbe non valer la pena di preparare tutto quello che resta “dietro” il gioco (la cosa più importante sarà proprio il gioco!).

Se invece optate per un approccio più completo, le cose a cui pensare non sono poche, ne’ per il master ne’ per i giocatori!

Innanzitutto bisogna decidere se il gioco d’azzardo sia legale o meno, cosa che normalmente i giocatori non sanno a priori per ogni città (e di conseguenza, i giocatori dovranno ingegnarsi per scoprirlo… o rischiare qualcosa di peggio di una brutta figura!). La legalità è comunque solo il primo punto da trattare in un approccio elaborato, ma in base a questa scelta le strade da seguire saranno diverse. Verosimilmente, ove il gioco sia legale, vi saranno luoghi adibiti se non addirittura mestieri appositi (una sorta di casinò), e qualche locanda potrebbe occasionalmente organizzare eventi o tornei. Il gioco d’azzardo potrebbe anche essere l’evento principale di una sagra paesana!

Ove il gioco sia invece illegale, verosimilmente si troveranno comunque personaggi che gestiscono affari del genere, ma non ufficialmente. Ritrovi segreti, giochi in codice, o altri sotterfugi del genere. Uno sviluppo interessante può essere il pagamento di una vincita o di una sconfitta in una città ove non si possa legalmente esigere la propria vincita (che sia PG o PNG). I metodi illegali, la paura, le ritorsioni… e perché no, la criminalità organizzata, possono tutte essere soluzioni ad un problema del genere.

Ovviamente tutto ciò può essere sempre uno spunto per una grande quantità di missioni del gruppo, secondarie o primarie che siano.

E, cosa estremamente interessante, sono possibili tutte le combinazioni di “allineamento”. I personaggi potrebbero sia essere i giustizieri legali che combattono l’azzardo vietato, così come giocatori o difensori delle organizzazioni contro le forze legali della città o dello stato. Possono altresì sviluppare un “doppio gioco” tra le due forze, sia a favore dell’una, che dell’altra, che di loro stessi (se ben organizzato).

 

Insomma…

 

La prossima volta che il vostro gruppo entra in una taverna, date un’occhiata alle persone che giocano a dadi.

Non si può mai sapere.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *