Mondo di Tenebra: “Spazio 3150” – Primo Contatto

 

Anno 3150.

 

Una vecchia nave da trasporto raggiunge silenziosamente un’installazione di ricerca, situata in prossimità della fascia principale degli asteroidi.

Al suo interno, 5 camere criogeniche risvegliano i membri dell’equipaggio dalla sospensione vitale.
O almeno, tutte quelle che non hanno avuto problemi di malfunzionamento durante il viaggio.

 

 


PRIMO CONTATTO


 

L’Ente per uno Spazio Pulito vanta un notevole peso economico-politico sia sulla Vecchia Terra che nelle Colonie Spaziali.

Rilevata dalla compagnia privata [#dati cancellati#] nel 2994, la E.S.P. mira a ridurre i rischi e gli incidenti che i detriti spaziali pongono ai viaggi nello spazio.

Stiamo parlando di un’istituzione millenaria, ufficializzata e riconosciuta dalla Federazione Congiunta Terra-Marte e che si occupa di ritrovamento e rimozione dei vari rottami, rifiuti e detriti spaziali che l’umanità ha disseminato nel Sistema solare durante la corsa allo spazio.

Visto il tempo necessario a percorrere le enormi distanze che separano le varie installazioni umane disseminate nello spazio, la scienza della criogenia è risultata fondamentale.
Le ore necessarie a riprendersi dal sonno criogenico però implicano che la risposta immediata ad un eventuale incidente debba essere quasi interamente gestita dal computer centrale della nave, che risulta spesso sufficiente ma che non è in grado di compiere le eventuali necessarie riparazioni interne. Non possiamo ancora fare a meno della criogenia, ma possiamo rendere lo spazio più sicuro prevenendo l’avvenirsi di questi spiacevoli incidenti.

Il nobile scopo della E.S.P. non porta beneficio solamente a governi e multi-nazionali.
L’ente è anche una struttura efficiente e ben organizzata, che ha creato molti posti di lavoro sia in ambito di ricerca che sul campo, e che in nessun modo penalizza gli individui per le loro sfortunate situazioni personali.

Se hai capacità, voglia di fare e buona volontà, l’Ente per uno Spazio Pulito è pronto ad assumerti, senza curarsi di eventuali fantasmi del passato o problemi legali.

Perché tutti meritano sempre una seconda chance.

 

E.S.P.

Costruiamo uno spazio migliore

 

 

La realtà?

La realtà è che noi poveracci sottopagati dobbiamo fare il lavoro sporco per loro.

L’alternativa è mendicare.
O peggio, “offrirsi volontari per aiutare la ricerca scientifica”, se capite cosa intendo.

In ogni caso, oggi ci toccherà “pulire” a fondo questa stazione. E’ dall’incidente che non arrivano più comunicazioni a parte il segnale di emergenza, e gli ordini sono di assicurarsi che tutto sia in perfetta linea con la posizione ufficiale.

Esatto, quella che la stazione è completamente automatizzata, nessun essere umano a bordo.
Quindi quando dico che TUTTO deve risultare in ordine, spero di essere stato chiaro.

 

Ogni membro dell’equipaggio mostrò e caricò le varie armi che la E.S.P. aveva nascosto vicino le loro camere criogeniche. Un solo caricatore, ovviamente.

Che vita di m#@da.

 

Bene.

Ricordatevi, fino a che non giriamo completamente la struttura, i codici dell’impianto criogenico non si sbloccano.
Questo è quanto i piani alti si fidano di noi.

 

Il caposquadra, l’ex-soldato, il medico, il pilota ed il tecnico.

Nello spazio, nessuno li avrebbe sentiti urlare.

 

 


 

 

Titolo: “Spazio 3150 – Primo Contatto”

Descrizione: avventura non ufficiale per “Mondo di Tenebra” ad ambientazione fantascientifica, in un ipotetico futuro dell’anno 3150 secondo l’attuale calendario. Avventura per 3-5 giocatori.

Variante: Le conoscenze Accademiche di quest’avventura comprendono l’utilizzo ed il funzionamento dei sistemi delle navi spaziali ed i rudimenti della navigazione spaziale, non come atto fisico di pilotaggio ma come conoscenza, studio e calcolo di strumentazione, rotte e posizione.

Stato: completata

Potrebbero interessarti anche...

7 Risposte

  1. Mr. Mist ha detto:

    MI ricorda un po’ l’anime “Planetes”! Comunque è affascinante l’idea di vampiri nello spazio, potrebbe essere un nuovo modo di gestire i viaggi spaziali, bisogno di pochissime scorte, personale con capacità fisiche superiori, che sa muoversi bene al buio e che non sente fatica o il bisogno di dormire, possibilità di andare in letargo autonoma. Ottimo quelli della Whitewolf avrebbero dovuto farci un pensierino…

    • Lherian ha detto:

      (Planetes!! Come avevo fatto a non notarlo 😀 grandissimo!)

    • Orthega ha detto:

      Gran bell’anime Planetes! 😀
      Non ci avevo pensato, ma probabilmente ha condizionato la creazione dell’avventura. 😆

      E si, vampiri nello spazio è anche secondo me affascinante, ad esempio quando del personale con capacità fisiche superiori, che non risulta nelle scansioni di segni vitali, che si muove bene al buio e non sente fatica o bisogno di dormire, non riesce a controllare il proprio bisogno di nutrirsi e massacra un’intera stazione.

      A quel punto la compagnia sta mandando gente per mettere le cose a tacere… o nuove sacche di sangue?

  2. Mr. Mist ha detto:

    Dopo Alien non escluderei nessuna ipotesi…
    A proposito ma anzichè usare le scansioni di segni vitali, perchè non usare i comodi e portatili sensori di movimento? XD

    • Orthega ha detto:

      Beh, cercare segni vitali lo puoi fare da una nave, mentre il sensore di movimento anche se molto probabilmente funziona… significa che sei fisicamente sul posto. 😆

  3. Mr. Mist ha detto:

    … eh sì… e puoi gustare appieno la stretta allo stomaco quando sul display scopri che sei circondato da segnali multipli… XD

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.